ASAO va in FINALE

ASAO 2 - Lubacaria 1

SI gioca il quarto derby di Terre Roveresche dell’anno con la Lubacaria che vuol togliere l’accesso alla finale ai vicecampioni dell’ASAO.

Immagine3.jpg

Il campo di Orciano, nel bellissimo centro sportivo Pieve canneti, è in perfette condizioni, erba tagliata alla giusta altezza ed una gradevole giornata di sole primaverile. L’ASAO è in campo con praticamente tutti gli anziani viste le molte assenze per i vari infortuni. Mister Giulietti carica tutti e chiede il risultato pieno, anche se per accedere alla finale basterebbe un pareggio.

Via si inizia, subito il pallino del gioco è tra i piedi dei Viola che senza strafare alzano il baricentro nella metà campo del Lubacaria.  Il tutto scorre sereno, i lancioni a scavalcare la difesa dei Sangiorgesi non mettono in difficoltà la difesa dei padroni di casa, fino ad una incomprensione tra portiere e centralone che permette all’attaccante avversario di mettere la palla in rete.

Sotto di uno, non cambia nulla subito si riparte per trovare il pareggio e super Checco Vegliò con un bel tiro dalla distanza pareggia dopo pochi minuti. Nel finale di primo tempo l’ASAO prova a raddoppiare, ma gli avversari  tengono.

Uno a uno palla al centro ed inizia il secondo tempo, il profumo della vittoria è nell’aria e bomber Paci lo sente entra in area avversaria, crea scompiglio e mette al centro una palla velenosa che su pressione di Mezza un avversario tocca in rete, due a uno. Rimonta effettuata, il Lubacaria è un po’ frastornato e non riesce più a trovare delle azioni degne di nota, finché l’arbitro non riapre la partita tirando fuori un rosso per un non fallo, forse il caldo ed il sole hanno inciso sulla decisione.  Il Lubacaria si riattiva e ci crede fino a quando l’arbitro riporta la parità numerica espellendo un suo giocatore.

Ora l’ASAO deve portare a Terre Roveresche questo scudetto  e vincere la finale ad Urbania il 4 maggio contro un agguerrito Urbino.