Asao - Borgo Molino 0-1

Prima giornata della Coppa Marche per i ragazzi di mister Giulietti. La squadra affronta l’impegno con ancora in mente la finale persa alla fine della scorsa stagione e la voglia di scrivere il proprio nome sulla coppa dalle “Grandi Orecchie”.

L’Asao si schiera con un 4-4-2 che in fase di attacco si trasforma in un 4-2-4 tristemente noto e attuale. L’inizio è da brividi con 2 disattenzioni nel giro di 5 minuti che vengono neutralizzate solo con una grande parata di Londei e forse una porta più stretta del normale. Il borgo Molino dimostra di essere una squadra in salute e occupa bene il campo con un pressing alto e ripartenze veloci. I viola di Orciano vengono fuori con il passare dei minuti e arrivano alla conclusione un paio di volte con l’ariete Paci. Due punizioni alle stelle e il primo tempo si conclude con poche emozioni per la squadra di casa.

Nella ripresa il copione rimane lo stesso, buon possesso palla ma sterile al fine del risultato. Poi un contropiede avversario trova la difesa viola impreparata e Luzzi stende la punta avversaria al limite dell’area di rigore. Dalla punizione scaturisce il gol del vantaggio ospite complice una barriera male posizionata e un movimento errato di Londei. La reazione è pronta e servita con i due fratelli Palazzini che non raggiungono il gol per un intervento sottoporta e una punizione salvata sulla linea. La girandola di cambi non porta a niente e l’arrembaggio finale si chiude con tanto nervosismo e una sconfitta, la seconda casalinga in questa stagione per 1-0.

LE PAGELLE

Londei Marco: salva su un colpo di testa dopo 2 minuti, ma non copre il suo palo sulla punizione del vantaggio ospite. Paga l’errore per tutti. 5


Antonelli Pietro: vede la Madonna in un rinvio per spazzare dall’area. Due ottimi cross e un tiro mancato. 6


Luzzi Matteo: non vola in area avversaria sui corner, ma fa volare le gambe avversarie. 5


Goretti Luca: a parte le 2 disattenzioni iniziali, si dimostra il vero play basso dell’Asao e uomo di carattere in difesa. 6


Rinaldini Giacomo: tira che c’hai un bel tiro. Il pallone arriva al bocciodromo con una sua punizione. Schierato laterale di difesa ha dinamismo e fisicità. 6


Paradisi Davide: Fa girare bene il pallone, poi quando calano le energie sale troppo scoprendo la difesa. 5.5


Evangelisti Francesco: il checco degli allenamenti è un altro. Il vero “Vangelo” può e deve dare di più. 5


Mezzanotte Maurizio: un ottimo cross e tanta legna in mezzo al campo. Anche lui può dare più sicurezza. 6


Marchionni Christian: da lui ci si aspetta sempre la giocata che però non arriva. 5.5


Palazzini Emanuele: se avesse avuto un 46 di piede probabilmente avrebbe fatto gol sul cross di Mezza. Corre più degli altri giorni. 6


Paci Gianluca: lotta come un leone in mezzo agli avversari, ma rimane troppo solo. Di testa gli altri le prendono tutte quando andrebbero infilati palla a terra. 6


SOSTITUZIONI:

Esposto Enrico: entra per l’assalto finale nella difesa a 3. 6

Giovanelli Roberto: corre e lotta, il dinamismo si vede ma non porta a niente. 6

Palazzini Federico: le sue punizioni sono sempre pericolose. Rischia di pareggiare l’incontro. 6

Pettinelli Simone: entra nella ripresa, ma non dà la scossa necessaria. Che grinta però all’aperitivo. 5.5

Brocca Diego: la punta deve fare gol, il bomber anche. 5.5

Rossini Simone: le scarpe alla Aladin danno il vricchio sbagliato. Poco incisivo. 5.5

Riccardi Simone: se il Maestro cade è fallo, è semplice. L’arbitro non lo capisce. Come tiene la palla lui, nessuno. 6