Le due palme 1 - ASAO 2

Inizia la Champions, il campionato regionale,  girone molto tosto per l’ASAO, la prima partita deve affrontare un’agguerrita squadra fermana “Le due palme” che gioca a Marina Palmense in un campo spettacolare a 30 metri dal mare Adriatico con 20 gradi e una brezza fantastica.

La partita inizia con la squadra palmense che gioca un buon calcio con diversi buoni giocatori in campo, L’ASAO con una fitta rete di passaggi tiene in piedi la sfida, ma gli attaccanti avversari si rendono pericoli sbagliando però sempre il tiro, fino a quando viene assegnato un rigore ai fermani, Max intuisce il tiro ma la sfortuna vuole che non riesca a trattenerlo, gol.

Segue un po’ di sbandamento nell’ASAO che non trova  il bandolo della matassa, gli avversari sempre aggressivi si rendono colpevoli di colpi che superano il limite del giallo (non per l’arbitro), in uno di questi il Goro è costretto a soccombere e lasciare il campo. Così finisce il primo tempo.

La ripresa parte con il Maestro in campo al posto di Goro entra bomber Cima e la squadra comincia a riversarsi nella metà campo avversaria ormai a trazione anteriore, il mister fa entrare anche motorino Petto e la trasformazione è compiuta,i cambi di una frastornata  Palmense non aiutano affatto ed arriva il pareggio Viola. Cima su rimbattuta la butta dentro un super gollonzo che anima ancora di più l’ASAO, ma la doccia fredda è dietro l’angolo, l’arbitro fischia il secondo rigore ancora più dubbio del primo ma super Max diventa un gigante e l’attaccante spara alto. Il segno della riscossa è arrivato i viola attaccano sbagliano tanto ma la vittoria e li e Cima la raccoglie segnando il gol della vittoria con dedica ed auguri al nipotino Diego.

le due palme asao.jpg

Vegliò Max - l’arbitro fischia due rigori contro, il primo non lo para per un pelino, il secondo l’attaccante impaurito decide di sparare forte ma non centra lo specchio 7

Rinaldini - di testa le prende tutte lui, fa a sportellate con tutti ma non cede mai 7

Antonelli - dalla sua parte arriva il solito sprinter, ma in velocità Pietro non teme nessuno 7

Esposto - sparacchia un po’ troppo, ma in difesa non sbaglia 6,5

Mezzanotte - monumentale, è costretto a cambiare ruolo in seguito ai vari infortuni, lui non si scompone ed è insuperabile 7,5

Ottaviani – non riesce a trovare la corsa ed il gol come fa normalmente il venerdì sera 6,5

Giovanelli – il capitano di giornata, lotta sempre corre e rimedia anche un giallo inspiegabile… 7

Goretti – buona partenza tiene in piedi la barca, ma è costretto ad uscire per un fallo con entrata in ritardo che l’arbitro ovviamente non punisce con il giallo. 7

Brocca – primo tempo sufficiente, si muove, ma non trova i giusti spazi, poi sfodera un secondo tempo da vero leader in campo, si abbassa a prendere palla e fa sempre il passaggio giusto 7,5

Paci – primo tempo a sportellare poi più supportato inventa diverse palle gol per i compagni  7

Paolini – dalla sua parte clienti scomodi e veloci, riesce a trovare qualche varco, può fare di più 6,5

Riccardi – entra nella ripresa, e si piazza davanti alla difesa alla Pirlo 7

Pettinelli – in panchina soffre e si carica, entra e sgroppa, una spina nel fianco degli avversari e si ribalta il risultato….. 7

Cimarelli – doveva  fare gli auguri a Diego ed ecco due gol incartati come regali 8